mercoledì 28 dicembre 2016

Guardami negli occhi perché non ne vedrai mai più altri.
Ti sembrano normali? No, perché la verità è che sono pazzo, sono dannatamente pazzo, tesoro, e sono iniettati di sangue e pungono come spilli piantati tra una costola e l'altra. 
Non aver paura, morire non è così terribile sai? A me è successo tante volte, vuoi sapere qualche esempio? Quando piangendo come un bambino davanti a te, ti dicevo che non ce la facevo più e tu sorridevi come se fosse un dovere e rispondevi "passerà". Lì morivo sempre. Oppure quando ti dissi che ero rimasto intrappolato nei miei pensieri, che non ero né triste né felice, non ero semplicemente niente. E sai cosa facesti tu in quell'occasione? Tesoro, te lo ricordi? Dicesti che stavo esagerando, che sapevo solo esagerare. Cristo!
Quante volte mi hai fatto morire tu, sminuendo ogni mia angoscia e facendomi sentire quasi in colpa per non essere felice. Quante volte mi hai fatto morire tu...perché non dovrei farlo anch'io almeno una?

E la verità è che mi sono stufato, mi sono rotto di dover sempre reprimere la mia mente per quanto contorta e malata sia, solo perché se no sto esagerando! Solo perché è solo un momento! Tu sei un cazzo di momento, tesoro. Tu non sarai mai un per sempre, nella mia vita, nessuno lo sarà! Io non ho bisogno di niente e di nessuno, io mi stuferò di te come di altri è già successo, io mi stufo di tutti prima o poi! Ti sembra normale? Che schifo di destino è quello di dover stare solo? 

E sì, sto ridendo, perché, non lo trovi divertente anche tu? Stai vedendo finalmente chi sono e sei terrorizzata, e farti paura mi diverte. I tuoi occhi si sono fatti enormi e mi fissano senza mai sbattere le palpebre. Che c'è, te ne accorgi solo adesso che esisto?
Avresti potuto guardarmi così quando te ne stavo implorando, cristo, quando ciò di cui avevo bisogno era soltanto di essere capito. Mi fai tenerezza, dopotutto ti amo ancora, ma da oggi sono libero di essere folle, e sai che c'è?
Voglio vedere il tuo sangue farmi da tappeto rosso.

Nessun commento:

Posta un commento